Corpo Pagina

L’Arte e la Cultura risorse irrinunciabili

Quando Stefano e Vittorio, i miei compaesani ideatori e organizzatori di BiFoto, mi hanno chiesto di fare questo intervento per l’inaugurazione del festival, ho pensato che questa sarebbe stata un’ottima occasione per riportare in paese qualcosa della mia esperienza nel Regno Unito. Mi sono laureata in management dell’arte e della cultura all’università di Manchester l’anno scorso e da circa tre anni sto facendo delle esperienze lavorative tra diverse organizzazioni culturali della città.

Il management dell’arte e della cultura è una disciplina relativamente nuova in Italia che non riguarda solo la gestione del cosiddetto settore dei beni e delle attività culturali ma anche la valorizzazione dell’arte e della cultura in quanto ‘risorse’ culturali di un territorio. Le risorse culturali possono essere fisiche, per esempio i monumenti e le opere d’arte, naturali, come il paesaggio, e umane, come le tradizioni e l’innovazione. In Italia negli ultimi dieci anni si è aperto un dibattito che all’estero (mi riferisco in particolare al Regno Unito) è stato iniziato decenni fa, e che riflette sull’importanza delle risorse culturali nello sviluppo locale.

Nel Regno Unito, dalla crisi economica della fine degli anni 70’ e la trasformazione da un’economia basata sull’industria manifatturiera a un’economia dei servizi, le amministrazioni pubbliche locali sono state impegnate in piani di riqualificazione con lo scopo di risollevare le sorti economiche e sociali del territorio. In questo contesto, si è iniziato ad interrogarsi sul valore della cultura, la quale è stata sempre più pensata come una risorsa ‘strategica’ locale. In altre parole, le esperienze post-industriali inglesi hanno dimostrato che la valorizzazione delle risorse culturali attrae talenti e turisti, crea di conseguenza nuovi posti di lavoro, migliora la qualità della vita delle comunità locali, alimenta lo spirito d’innovazione, e attiva così dei processi di sviluppo di un territorio. Tuttavia la valorizzazione delle risorse culturali è un processo complesso che richiede una comprensione attenta di un territorio, un’amministrazione pubblica aperta al dialogo e una pianificazione coerente e partecipativa, per cui le persone, noi, siamo protagonisti.

Penso che BiFoto sia un ottimo esempio di pratica di management dell’arte e della cultura. Da tre anni il festival ha avuto l’obiettivo di valorizzare l’arte della fotografia in Sardegna, scegliendo come sede il nostro paese di Mogoro e i nostri bellissimi locali della Fiera del Tappeto; penso che questa scelta abbia un valore molto importante. Mogoro è culla di molte risorse culturali: le nostre chiese e nuraghi; il territorio; i prodotti agro-alimentari e artigianali del legno e tessili; le tradizioni e le antiche pratiche; la nostra lingua. A Mogoro vi sono anche bravissimi musicisti e cantanti; talentuosi artisti nel campo dell’arte visiva, come pittori e fotografi; dell’arte performativa, come il teatro e la danza; del cinema e della letteratura. Non dimentichiamo che il nostro paese si distingue anche per lo spirito imprenditoriale e innovativo di cui la zona artigianale è un ottimo esempio; e per aver un altissimo numero di associazioni, circa quaranta, che sono impegnate nell’organizzazione di eventi e attività durante tutto l’anno. La nostra amministrazione comunale sta dimostrando molto impegno nel valorizzare le risorse culturali del paese e una grande apertura nei confronti dell’innovazione e della creatività di noi giovani.

Mogoro è dunque una sede ottima per ospitare il festival della fotografia in Sardegna. BiFoto è un’occasione per noi abitanti di avvicinarci all’arte della fotografia e condividere un momento importante non solo per il settore dell’arte ma anche per il paese e la sua comunità. In questo periodo di instabilità economica e politica pare difficile pensare all’arte e alla cultura; ma io penso che sia proprio sulle nostre risorse culturali che ci si debba focalizzare e si possano trovare gli stimoli per l’innovazione e la ripresa sociale ed economica del territorio. La nostra cultura e le nostre arti sono le risorse preziose che esprimono al meglio il nostro talento, la nostra creatività ed energia. Per questo penso che sia molto importante che l’amministrazione comunale e noi abitanti di Mogoro continuiamo a dimostrare il nostro supporto a BiFoto lasciandoci coinvolgere, interrogare e ispirare dall’arte

Valentina Orrù