Corpo Pagina

Per una mensa scolastica sostenibile

Giovedì 18 luglio 2013 alle ore 18.00, nella sala consiliare del Comune si terrà un incontro-dibattito di presentazione del capitolato d’appalto per il servizio di ristorazione scolastica.

Gli Amministratori locali, la Dott.ssa Anna Maria Marrocu del Servizio Igiene degli alimenti ASL n. 5 Oristano, Francesco Sanna dell’Agenzia LAORE, e Funzionari del Servizio Pubblica Istruzione del Comune di Mogoro, incontrano genitori e insegnanti, produttori e fornitori mense scolastiche, Agricoltori, Cooperative e Allevatori, per la presentazione del nuovo capitolato d’appalto per il servizio di mensa scolastica per gli alunni delle scuole dell’infanzia statale e primaria.

Allo scopo di ottimizzare la qualità del servizio di mensa scolastica, lo scorso 13 maggio 2013, è stato costituito il Tavolo partecipato mensa scolastica (Comune Mogoro, Asl Oristano, Agenzia LAORE Sardegna, Assessorato regionale Ambiente servizio SAVI, Istituto Comprensivo Mogoro) con la finalità di far nascere nella gestione dei servizi di ristorazione scolastica la consapevolezza che sia necessario introdurre nell’alimentazione dei piccoli scolari l’uso dei prodotti di qualità del territorio per rispondere alle esigenze di sostenibilità economica, sociale e ambientale. Iniziativa nata sulla scia del convegno “Per una mensa sostenibile” realizzato il 7 maggio 2013 all’interno di una serie di manifestazioni previste nel programma “Mogoro Ecoprimavera”.

Con questo lavoro l’amministrazione comunale ha inteso proseguire ed arricchire la propria esperienza avviata negli anni precedenti, facendo tesoro dei buoni risultati ottenuti nei comuni della provincia del Medio Campidano, a seguito del Tavolo partecipato mense scolastiche, realizzato nell’ambito del programma di educazione alimentare, ambientale e sulla ruralità denominato “Satu Po Imparai”.

Il nuovo capitolato d’appalto, frutto del lavoro del Tavolo partecipato mensa scolastica, risponde alle esigenze di:

  • elevare il livello qualitativo dei pasti sia dal punto di vista nutrizionale che del loro gradimento mantenendo saldi i principi di sicurezza alimentare;
  • promuovere l’adozione di abitudini alimentari corrette per salvaguardare la salute e per prevenire patologie cronico degenerative (diabete, obesità);
  • privilegiare gli interventi di sostenibilità ambientale come il biologico, la “filiera corta”, la riduzione degli sprechi, l’eliminazione della plastica;
  • rassicurare le famiglie sulla qualità e bontà della ristorazione scolastica collettiva, incentivando indirettamente la frequenza della scuola a tempo pieno.

Tutti i cittadini sono invitati a partecipare