Corpo Pagina

La nuova gestione dell’Area Archeologica di Cuccurada.

Nelle scorse settimane il Comune di Mogoro ha pubblicato il bando per la gestione dell’area archeologica di Cuccurada.

La gestione dell’area si basa su diversi impegni che devono essere assicurati dal vincitore del bando: servizio di accompagnamento ai visitatori del sito con guida turistica, comprese le visite guidate per le scolaresche; la cura del verde e la pulizia dell’area; la periodica disinfestazione e diserbo del sito; l’apertura del sito tutti i giorni tranne il lunedì e il sabato e la domenica nei mesi si aprile, maggio e ottobre; iniziative culturali e di spettacolo coerenti con la promozione del sito e tutte le iniziative volte a far conoscere e promuovere l’area archeologica.

Il Comune contribuisce all’apertura e gestione dell’area con un contributo di € 27.500,00 annuali, soggetto a ribasso in sede di offerta. Inoltre viene prevista a favore del Comune una somma pari a € 1.200 annui per l’affitto del bar, in questo caso soggetto a rialzo in sede di gara.

Le modalità previste per la valutazione delle offerte dei partecipanti riguardavano un punteggio di 80 punti per la valutazione dell’offerta tecnica e 20 punti per l’offerta economica.

Alla gara hanno partecipato tre imprese: la cooperativa “La Memoria Storica”, che ha gestito l’area negli ultimi 4 anni; l’Associazione “Mariposas de Sardinia” e il bar “Gitano”; Pinna Paolo e Ariu Alessandro. Tutte e tre le imprese sono state ammesse alla gara in quanto in regola con i requisiti richiesti dal bando.

La Commissione ha deciso di aggiudicare il bando all’offerta presentata da Pinna Paolo e Ariu Alessandro con un punteggio pari a 85/100. Tale punteggio è stato determinato dall’offerta economica, 10% di ribasso sull’importo a base d’asta, e dall’offerta tecnica.

Il progetto di gestione della Società che si è aggiudicato il bando prevede la promozione del sito attraverso i social network e internet (verrà creato un sito web apposito) e attraverso la produzione di brochure, volantini, dépliant e manifesti.

Sono previste iniziative indirizzate principalmente alle scuole: laboratori interattivi di scavo, laboratori finalizzati alla ricostruzione del nuraghe monotorre. Altri laboratori riguarderanno la lavorazione dei cereali, la creazione del “suittu”, uno dei più antichi strumenti a fiato, laboratori di tessitura, di terracotta e ceramica e di pittura preistorica.

Sono previsti inoltre una serie di eventi dedicati alla musica, al teatro, alla letteratura, alla fotografica e al design. Saranno inoltre organizzate visite notturne una volta al mese dal mese di maggio a quello di settembre.

Rispetto ai periodi di apertura, la società che si è aggiudicata la gestione del sito, garantirà l’apertura al pubblico tutti i giorni, tranne il lunedì, sin dal 1° aprile. Dal 30 luglio al 3 settembre l’area archeologica sarà aperta al pubblico tutti i giorni, compreso il lunedì. Mentre dal 10 al 31 ottobre sarà aperta nei giorni di sabato e domenica. Per tutti gli altri periodo saranno possibili visite guidate su appuntamento per un minino di 10 persone.