Corpo Pagina

I primi numeri della 56^ edizione della Fiera dell’Artigianato Artistico della Sardegna

Per la 56^ edizione la Fiera dell’Artigianato Artistico della Sardegna si è vestita di nuovo, ha cambiato il suo volto e ha cercato di trovare nuove strade per portare visibilità e prestigio a tutto il paese di Mogoro, ai suoi artigiani e a tutti gli espositori presenti nella manifestazione.

I lavori per questa edizione sono iniziati molto presto, già a marzo con il lancio di una campagna di video e fotografie realizzata in cofinanziamento con gli artigiani espositori e con il partner Mondosardegna.it. La campagna prevedeva, per i partecipanti, la realizzazione di 3 video e di un piccolo servizio fotografico che sono serviti a creare una grande campagna di comunicazione sui social media Facebook, Instagram  e Twitter.

Su Youtube abbiamo creato una pagina della Fiera dove abbiamo raccolto i video trailer realizzati nell’ambito di questo progetto e dove quindi è possibile vedere uno scorcio dei laboratori e delle creazioni degli artigiani espositori. Alla campagna hanno aderito 19 artigiani che ci hanno portato dentro i loro laboratori e dentro le loro storie e grazie ai quali la Fiera ha creato la più grande campagna di comunicazione incentrata sull’artigianato artistico, mai fatta in tutta l’Isola. I risultati sono iniziati ad arrivare da metà maggio e stati davvero importanti (tutti i dati sono stati presi dalle pagine social e sono consultabili su richiesta scrivendo all’indirizzo info@fierartigianatosardegna.it).

Su Facebook:

  • oltre 3.330.000 visualizzazioni totali, sia dei contenuti che della pagina, da metà maggio ad oggi;
  • dalle 60.000 alle 130.000 persone raggiunte ogni settimana dai post della Fiera con delle punte di 83.000 persone raggiunte in un solo giorno, per i video più interessanti;
  • 568.000 visualizzazioni dei video da metà maggio ad oggi per 249.000 minuti di visualizzazione;
  • una crescita di oltre 4.200 like sulla pagina, passata da 9.117 fan di metà maggio ai 13.347 fan di oggi.

Su Instagram:

  • da 11.000 a 17.000 visualizzazioni a settimana dei post della pagina;
  • da 900 a 2.000 persone raggiunte a settimana;
  • da 350 a 600 visualizzazioni della pagina a settimana.

Su Twitter:

  • oltre 60.000 visualizzazioni dei contenuti da metà maggio ad oggi;
  • oltre 2.000 interazioni, tra retweet, like, menzioni e simili.

Ecco alcuni esempi di video e foto realizzati nell’ambito di questo progetto.

Su Trobasciu: trailer – video completo – album fotografico

Francesca Frau: trailer – video completoalbum fotografico

Andrea Cadoni: trailer – video completo – album fotografico

Sulla scia del successo della campagna video, e con l’intento di creare un piazzamento molto forte sui social media, sia della Fiera che degli espositori che di tutto il paese di Mogoro, si è scelto di organizzare un Social Tour/Instameet. Si tratta di un tour a cura degli Igers Sardegna, che sono un gruppo di fotografi professionisti, che agiscono principalmente su Instagram e Facebook e che vengono chiamati nei vari paesi o per degli eventi, per realizzare dei servizi fotografici con un taglio molto personale.

All’instameet hanno partecipato 8 Igers che sono partiti dalle vie più caratteristiche del paese, hanno visitato due laboratori artigianali come rappresentanza di tutti i laboratori del paese, e poi hanno compiuto una visita della Fiera in anteprima. Durante questo percorso hanno scattato numerose foto che si possono trovare sulle pagine Instagram dei singoli Igers, sulle pagine Facebook e Instagram di Igers Sardegna, e sulle pagine dei gruppi Igers di provincia (Igers Oristano e Igers Sassari).

A seguito dell’Instameet si è svolta la Notte in Fiera, l’evento di presentazione della Fiera dedicato al mondo della comunicazione, del turismo e dell’artigianato in cui gli invitati hanno potuto ammirare in anteprima la Fiera, ascoltare la visita guidata della direttrice artistica Francesca Picciau, scattare foto e pubblicare live le loro emozioni. Al termine della visita i visitatori insieme ai rappresentanti del paese, dell’organizzazione della Fiera e delle realtà produttive più importanti, hanno potuto degustare i prodotti dei produttori locali cucinati dallo chef stellato Roberto Petza e serviti su piatti, sottopiatti, tovagliette e con coltelli realizzati o prestati ad hoc per la serata dagli artigiani espositori della Fiera. L’evento era aperto a tutti attraverso un challenge (un concorso) su Instagram che chiedeva ai partecipanti di realizzare delle foto delle loro ricette preferite usando come cornice (piatti, tovaglie e altri utensili da tavola) i prodotti degli artigiani sardi.

Gli scopi dell’evento erano molteplici: comunicare la Fiera come un luogo dove avvengono eventi prestigiosi, comunicare il paese di Mogoro come un posto dove si possono trovare le eccellenze della cucina e dell’artigianato, il tutto attraverso la notorietà dello chef con l’obiettivo di portare visibilità al paese, alla Fiera e agli espositori e testare una tipologia di evento che in futuro potrebbe dare una nuova fonte di entrate alla Fiera.

Gli invitati all’evento erano:

  • 8 Igers; tra gli Igers erano presenti 3 blogger: Mondosardegna.it partner per il progetto dei video cofinanziato dagli artigiani), Erika in viaggio  e Maria Pia Cossu;
  • i 3 vincitori del challenge;
  • Insopportabile, web influencer (con oltre 120.000 follower su Twitter) ed esperto di turismo;
  • Egyzia, web influencer (con oltre 47.000 follower su Twitter);
  • Giovanni Fancello, giornalista che cura la rubrica settimanale “La buona cucina” sul quotidiano La Nuova Sardegna e scrive sugli Atlanti de La Nuova Sardegna;
  • Stefano Resmini, reporter turismo e viaggi per la rubrica “Girovagando”;
  • gli allestitori Francesca Picciau, Ralf Uwe e l’assistente Francesca Argiolas;
  • Roberta Morittu, esperta di artigianato, una delle curatrici per conto della Regione Sardegna della mostra Past Future alla Triennale di Milano, collaboratrice con il Bic Sardegna per la Vetrina dell’Artigianato artistico.

Durante l’evento:

  • sono state presentate agli invitati le creazioni degli artigiani che hanno partecipato all’evento, spiegando che erano state, quasi tutte, realizzate ad hoc per la serata;
  • sono state realizzate delle foto che serviranno a raccontare l’evento e che verranno pubblicate nel tempo nelle pagine social e sul sito della Fiera, in queste foto verranno messi in luce i prodotti del territorio utilizzati per l’evento e i prodotti artigianali utilizzati durante l’evento;
  • sono stati presentati i produttori del territorio che hanno contribuito, in maniera gratuita, donando agli organizzatori dei prodotti alimentari che sono stati cucinati dallo chef;
  • sono stati presentati in maniera specifica alcuni prodotti del territorio utilizzati dallo chef per le ricette realizzate durante l’evento.

Gli artigiani coinvolti durante l’evento sono stati 27 che fanno parte dei seguenti settori:

  • 15 ceramisti più 1 artigiano del vetro che hanno realizzato piatti, vassoi e altri prodotti simili;
  • 3 coltellinai che hanno realizzato i 30 coltelli utilizzati;
  • 1 artigiano dei metalli che ha realizzato i sottopiatti;
  • 5 artigiani dei tessuti che hanno realizzato le tovagliette americane;
  • 3 artigiani del legno che hanno realizzato le sedie.

L’evento ha avuto un successo inaspettato, un successo che è difficile spiegare soltanto con i numeri ma che proviamo a riassumere qua si seguito:

  • dati parziali degli articoli usciti sul web e che parlano dell’evento o che lo citano o che sono stati scritti o girati a seguito della partecipazione al giro di presentazione in anteprima della Fiera, realizzato all’inizio della Notte in Fiera:
  • su Facebook i dati parziali dicono che ci sono state oltre 3.000 interazioni tra like, commenti, condivisioni, 3 video fatti da terzi, 296 foto scattate da terzi e pubblicate, con gli hashtag #artigianatoatavola, #mogoro e #sulfilodellatradizione;
  • su Instagram i dati parziali dicono che ci sono state oltre 24.000 interazioni tra repost, commenti, like, derivanti da 114 foto con hashtag #artigianatoatavola, e altre foto con gli hashtag #mogoro e #sulfilodellatradizione;
  • su twitter i dati parziali dicono 754 tra tweet, retweet e interazioni;
  • su pinterest i dati parziali dicono di 1 album con 250 follower e una decina di foto (che aumenteranno nel tempo) e alcuni pin;
  • gli articoli che parlano della Notte in Fiera (o che sono stati scritti a seguito del comunicato stampa della Notte in Fiera) e che sono stati pubblicati o devono ancora essere pubblicati sui giornali cartacei (nelle prossime settimana sono previste e si concorderanno ulteriori uscite) sono:
    • il 20 luglio sull’Unione Sarda;
    • il 23 luglio su La Nuova Sardegna;
    • il 12 agosto su l’inserto Atlanti (che parla di cultura, costume e società) de La Nuova Sardegna;
    • una citazione e uno stralcio sulla Fiera pubblicati sulla rivista Atmosphere di Meridiana, in dotazione a tutti gli aerei da e per la Sardegna per tutto il mese di Agosto.

Ecco alcuni esempi delle foto realizzate durante la Notte in Fiera:

A seguito della Notte in Fiera, il 28 Luglio, si è tenuta l’Inaugurazione Porte Aperte, la cerimonia di apertura della Fiera dedicata a tutta la popolazione, agli artigiani espositori, ai rappresentanti delle istituzioni, etc.

L’inaugurazione è stata tradizionale e ha voluto offrire a tutto il paese e a tutti gli invitati una serata diversa completa di piccolo rinfresco e intrattenimento musicale:

  • l’evento è stato preceduto dall’installazione, per le vie del paese, di piccole opere d’arte realizzate ad uncinetto (Yarn bombing) e da string art; le opere, realizzate dall’associazione da Margherita Atzori (Guerilla Crochet” di Cagliari) sono state disposte lungo i 2 percorsi che dalle entrate del paese portano fino alla Fiera e simboleggiano il filo della tradizione che porta dall’esterno fin dentro la Fiera;
  • la presenza di un giornalista professionista, Vito Biolchini, che moderasse una conversazione fresca, interessante e costruittiva fino ad arrivare al consueto taglio del nastro e primo giro inaugurale. Durante il dibattito sono intervenuti il Sindaco Sandro Broccia, e l’Assessora all’artigianato Luisa Broccia, l’Assessore al turismo e all’artigianato della Regione Sardegna Barbara Argiolas, la direttrice artistica Francesca Picciau e tre artigiani hanno rappresentato tre generazioni di artigiani a confronto (Angelo Sciannella maestro ceramista in pensione da qualche anno, Wilda Scanu della Coop.Tessile su Trobasciu e la giovanissima Giulia Pusceddu di Arburesa Eredi);
  • a seguito del dibattito un gruppo di maestri musicisti professionisti ha intrattenuto il pubblico con un concerto di musica jazz;
  • a completare e arricchire la serata è stato offerto un rinfresco/assaggio a tutti i presenti: un piattino formato da 4 assaggi diversi e accompagnato dai vini della Cantina di Mogoro e dalla birra del birrificio BAM.

Il giro inaugurale ha registrato l’ingresso (con biglietti omaggio) di 650 visitatori.

Nei giorni seguenti l’inaugurazione è stato lanciato lo spot della 56^ edizione della Fiera, che è visibile su Youtube, su tutti i Social, è in programmazione su Videolina fino al 13 Agosto e sul videowall dell’Aeroporto di Cagliari per tutto Agosto. Le musiche dello spot sono state realizzate appositamente dai 3 musicisti che hanno tenuto il concerto il giorno dell’inaugurazione.

La Fiera dell’Artigianato artistico della Sardegna sarà visitabile dal 29 Luglio al 3 Settembre 2017 dalle 10.00 alle 21.00 con orario continuato.