Corpo Pagina

Approvata la legge per le Unioni Civili e i Patti di Convivenza. “Più diritti non offendono nessuno”.

Dopo il Senato, anche la Camera ha approvato la legge sulle Unioni civili e le convivenze di fatto.

In due parti distinte la legge disciplina le unioni omosessuali, con l’istituzione delle Unioni Civili e allo stesso tempo allarga i diritti alle copie di fatto che, con i patti di convivenza, avranno nuove tutele sanitarie e patrimoniali.

Per le coppie omosessuali, che dovranno registrare un contratto in Comune che si chiama Unione Civile, la possibilità di ricevere la pensione di reversibilità, di accedere alle graduatorie degli asili o avere in eredità i beni delle persone con cui hanno diviso la vita.

Per le coppie eterosessuali, che dovranno stipulare di fronte ad un notaio il “contratto di convivenza”, c’è finalmente la possibilità di assistere il proprio partner in ospedale (incredibile ma fino a ieri questo non era consentito), di scegliere la comunione dei beni, come per le coppie sposate, di aver accesso alle graduatorie per le case popolari e per gli asili nido.