Corpo Pagina

Emergenza COVID19 – Nuove misure disposte dal Presidente della Ras

Il Presidente della Regione Sardegna ha emesso in data 24 marzo 2020 l’ordinanza n. 11, riguardante ulteriori misure straordinarie urgenti di contrasto e prevenzione della diffusione COVID-19. Le principali sono:

  1. La chiusura e l’interdizione all’accesso di persone nei parchi e nei giardini pubblici.
  2. L’uso della bicicletta è consentito solo per gli spostamenti motivati da esigenze lavorative, di salute o situazioni di necessità.
  3. È sospesa l’apertura degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande posti nei rifornitori.
  4. È sospesa l’apertura domenicale dei supermercati e negozi che vendono generi alimentari, l’apertura è consentita esclusivamente alle farmacie e alle parafarmacie.
  5. È consentito ad un solo componente di ciascun nucleo familiare di uscire una sola volta al giorno per l’acquisto di beni necessari ed essenziali.
  6. È consentita una sola volta al giorno ad un solo componente familiare, l’uscita per la conduzione hobbistica di poderi, orti, vigneti ed ortofrutticola in genere.
  7. È fatto divieto a tutte le persone fisiche di trasferirsi o spostarsi in un comune diverso rispetto a quello in cui si trovano, salvo per comprovate esigenze lavorative o per motivi di salute.
  8. I comuni devono provvedere alla sanificazione degli edifici pubblici e delle strade. Tale sanificazione deve essere prioritariamente rivolta alle aree prospicenti ospedali, ambulatori, punti vendita di generi alimentari, farmacie, parafarmacie, banche e uffici postali.
  9. Negli esercizi commerciali, inclusi i tabacchini, è vietato l’utilizzo di slot machine, giochi e apparecchi di intrattenimento.

Per maggiori informazioni consultate il testo integrale dell’ordinanza scaricabile dal link sulla destra.

Si ricorda inoltre che tutte le persone che abbiano fatto ingresso in Sardegna nei 14 giorni antecedenti la data del 9 marzo 2020, hanno l’obbligo: di osservare la permanenza domiciliare con isolamento fiduciario per 14 giorni, con divieto di spostamenti e viaggi nel territorio regionale; di comunicare tale circostanza al proprio medico di medicina generale ovvero al pediatra di libera scelta o all’operatore di sanità pubblica territorialmente competente; di compilare online il modulo rinvenibile al seguente link: di rimanere raggiungibile per ogni eventuale attività di sorveglianza.